Circolo ARTEnoize e il loro drink “Delinquente”

Il Circolo ARTEnoize apre nel 2010, nel quartiere di Centocelle, da un’idea di Chiara Titone, a cui si aggiunse alcuni mesi dopo sua sorella Francesca. Quando aprirono il cocktail bar, Centocelle non era ancora sotto i riflettori del panorama enogastronomico. Ma facciamo qualche passo indietro e scopriamo la storia del Circolo ARTEnoize.

Quando nasce il progetto

ARTEnoize nacque almeno 9 anni prima dell’apertura in Via Tor de Schiavi, ed era strutturato come un circolo Arci con uno spazio bar. Per anni è stato un punto di riferimento per i ventenni del quartiere. Un luogo di aggregazione dove si poteva ballare oppure assistere a concerti gratuitamente, possiamo citare alcuni artisti che si sono susseguiti nel salotto ARTEnoize: Luca Spaggiari, Renzo Picchi, i Le-Li, Stefano Migneco, Tiedbelly, Giovanni Del Grillo, la Ryan o’ Reilly una band londinese e tantissimi altri.

Il cambiamento

Il momento di svolta che ha trasformato questo circolo Arci in un cocktail bar è arrivato con un Bartender italiano che ha viaggiava e lavorato in molti Paesi del mondo, Massimiliano Zitti, attualmente barman presso il MOTHER Cocktail Bar in Canada.

“Ospitalità, attenzione per il gusto, il sapere dosare ed utilizzare i giusti ingredienti e soprattutto cercare il sorriso sul volto di chi assaggia i nostri cocktail” – così Chiara descrive i suoi nuovi obiettivi, attraverso gli insegnamenti di Massimiliano.

Il progetto quindi cambia, pur conservando l’amore per la musica, che è sempre la fonte di ispirazione nei loro drink, si trasferiscono in nuova location sempre a Centocelle e da qui nasce il Circolo ARTEnoize.

“Il nostro team è tutto al femminile: al bancone c’è Francesca, in cucina Chiara e poi c’è Agnese che si divide tra la sala e la macchina fotografica. Da noi si mangia e si beve, si ascolta buona musica, e i clienti hanno sempre a disposizione libri e fumetti, la nostra grande passione. ARTE perché non c’è mai mancata la vena artistica, NOIZE perché ci piace fare le cose facendo sempre tanto rumore. ” Enjoy”

Chiara e francesca titone

Delinquente, la ricetta del Circolo ARTEnoize per un aperitivo o dopocena

Delinquente – Figlio di un Dio, figlio di un Bar
(Ph. Agnese di Vico)

Ingredienti

  • 1 bicchiere di Tumbler basso
  • 1 tazzina Punt e mes
  • 1 tazzina Bitter Campari
  • 4 cucchiaini di Liquore al Rabarbaro (è possibile trovare il Rabarbaro Zucca al supermercato)
  • 1 cucchiaino di Fernet Branca 
  • 1 peel d’arancia
  • 1 peel di limone 
  • 1 peel di lime 

Accessori utili per riprodurre a casa il drink

  • 1 cucchiaino
  • 1 tazzina da caffè
  • 1 stecco lungo da spiedino per il mixing spoon 
  • Il peel potete ottenerlo con un semplice pelapatate, attenti a prendere solo la parte colorata dell’agrume

Realizzazione

Freddiamo il nostro bicchiere, mettendo il ghiaccio dentro poi girate con lo stecco e svuotate il bicchiere.
Versate tutti gli ingredienti. Riempite il bicchiere di ghiaccio e mescolate con lo stecco per 30 secondi.
Aggiungete i peel di agrumi and drink.

Elisabetta RUBINO

Elisabetta Rubino, classe ’78, romana, laureata in Giurisprudenza, Criminologa, Perito Grafologo. Attualmente ha mollato tutto e lavora in un Tour Operator a livello internazionale e come Ufficio stampa nell’ambito enogastronomico.

Influencer (@lapolpettasuitacchi) e Food Blogger, alla fine del 2017 apre il suo sito “La polpetta sui tacchi”. Un piccolo diario dove racconta i suoi viaggi culinari, punto di riferimento per molti lettori che amano scoprire nuove aperture su Roma.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *