KILCHOMAN: Una Spirale di Gusto

Cosa ci fanno insieme uno Scotch, una lumaca e un antico simbolo spiraliforme? Partendo dal Whisky Side di un biologo, in questo articolo parleremo della distilleria Kilchoman, di una chiocciola col suo nome e della Triscele sulle sue bottiglie.

LA ENTADELLA KILCHOMANI: il Whisky Side di Barna e la sua Lumaca

In un post del suo blog, nel Dicembre del 2019, la distilleria scozzese Kilchoman annunciò la scoperta di una nuova specie di lumaca. Il motivo per cui la farm distillery di Islay lo rese noto è che Barna Páll-Gergely,  il biologo ungherese che identificò la chiocciola, era un patito di Kilchoman e battezzò la nuova specie col nome di Entadella kilchomani.

La lumaca vietnamita ha una grande conchiglia, è abbatanza longeva e vive in un ambiente subtropicale ricco di elementi essenziali per la formazione del suo guscio.

A ognuno il suo Whisky Side!

KILCHOMAN: una Spirale sul Guscio

La lumaca, per via delle sue caratteristiche, è tradizionalmente associata al concetto di evoluzione spirituale: un lento percorso che richiede vigilanza, perseveranza, tempo, umiltà e che ha come obiettivo il graduale raggiungimento di una stabile ricchezza interiore.

La chiocciola con le sue antenne avanza guardinga, tenacemente incollata alla Terra, valutando costantemente il percorso che gli sta dinnanzi; le pause sono tenute in gran considerazione visto che non si separa mai dalla sua casa in cui può ritirarsi quando e per quanto necessario. Animale ermafrodita e associato all’umidità, rappresenta anche la fertilità e l’equilibrio tra le polarità maschile e femminile.

La spirale che contraddistingue il suo guscio riflette la costante matematica espressa dalla serie numerica di Fibonacci, e ne fa una delle manifestazioni naturali della sezione aurea, schema di relazioni che pone la dialettica ciclica direttamente nel cuore della materia. Si tratta di un potente simbolo universalmente riconosciuto e molto caro alla cultura celtica in cui lo troviamo declinato nella Triscele, scelta come simbolo anche della distilleria Kilchoman.

Nel Triskell la simbologia del ciclo vitale è magnificata da una triade di spirali che come gambe (dal greco “Skelos”) alimentano l’eterno moto nascita-morte-rinascita.  

LA TRISCELE DI  KILCHOMAN: Identità, Indipendenza e Qualità

Tutto il corredo simbolico richiamato finora ben si adatta alla Kilchoman, la farm distillery aperta nel 2005 da Antony Willis, in Scozia sulla selvaggia isola di Islay, la Madre Terra del whisky torbato.

La filosofia produttiva del fare meno ma bene ha decisamente premiato questa realtà indipendente che in 15 anni ha più che triplicato il suo output, pur attestandosi ancora tra le ultime 20 distillerie scozzesi per capacità produttiva: 480.000 l annui di alcol.

La Kilchoman, al cui whisky sono profondamente “sensibile”, ha puntato molto su identità, indipendenza e qualità, virtù ben sintetizzate nel 100% Islay, rilasciato per la prima volta nel 2011. In questa release, limitata ma emessa regolarmente, confluisce l’orzo cresciuto nella fattoria della distilleria, lasciato germinare sui suoi tradizionali malting floors, torbato (meno degli altri Kilchoman), distillato, invecchiato e imbottigliato in loco a 50 ABV e senza filtrazione a freddo. Insomma dall’orzo alla bottiglia!

Il successo, meritatamente ottenuto, ha convinto nel tempo la proprietà a valutare un ampliamento della distilleria. Dopo un primo potenziamento degli apparati produttivi, nel 2019 è stato annunciato il progetto di un impianto gemello grazie cui arrivare a produrre in totale autonomia il 30% dell’intero output.

Che posso dirvi?! che si tratti del 30% o del 70% afferrate una delle pepite firmate Kilchoman e gustatevi tutta la sua spirale di gusto!

Salute!

Chiara Marinelli

Chiara Marinelli (@chiara_marinelli), classe 86, laureata in Filosofia. Appassionata di Metafisica, Whisk(e)y e del buon bere, ha sempre approcciato il mondo degli Spirits e della Miscelazione attraverso il suo background poliedrico e trasversale.

Responsabile della didattica e docente della Roma Whisky Academy targata Roma Whisky Festival Chiara ne coordina le attività formative e degustative durante tutto l’anno. Come Whisky Specialist collabora con W&Co, lo show room romano di Via Margutta 28, e con Oro Whisky Bar

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *